Extra

Prelievi ATM e Trucchetti Truffaldini

La veggente Libuše profetizza la nascita di Praga. Foto sul blog di viaggi Nerd in Spalla: viaggiatori poco seri

Le insidie dei prelievi ai bancomat (ATM)

L’argomento di oggi sono i prelievi presso gli ATM o, detta all’italiana, gli sportelli bancomat.

Sappiamo che sono ancora molte le persone che preferiscono pagare in contanti ma, spesso, le nostre banche fanno fatica a trovare certe valute estere se non le richiediamo con largo preavviso e per somme importanti, quindi viene naturale, per ottenere valuta straniera senza incorrere nelle truffe del cambio in nero, prelevare agli ATM.

Ci sono però delle insidie nascoste in questi prelievi e vogliamo accertarci che voi le conosciate!

Commissioni sui ritiri

Qui da noi i bancomat, anche nelle città più turistiche, sono quasi esclusivamente quelli che si trovano presso le filiali delle banche ma in altri paesi si trovano ATM ad ogni angolo di strada.

Prima di tutto va ricordato che anche tra i paesi che fanno parte dell’Unione Europea non tutti usano l’Euro come valuta nazionale e, ovviamente, fuori dal nostro continente il cambio della valuta è una necessità.

Per chi preferisce usare i contanti per le piccole spese, soprattutto quando si viaggia in posti dove i pagamenti elettronici non sono così diffusi, i prelievi agli sportelli ATM sono comodissimi.

Certo, in molti posti ormai si paga anche un caffè con la carta ma le abitudini sono dure a morire e, in tanti, continuano a preferire i contanti.

Fatta questa premessa parliamo dei costi, perché anche se la vostra banca vi permette di prelevare contanti senza pagare una commissione, usare bancomat che non fanno parte del vostro circuito bancario prevedere di solito un costo e funziona così sia che vi troviate nella vostra città sia che siate in viaggio all’estero.

Orologio astronomico (Staroměstský Orloj) a Praga in Repubblica Ceca (o Cechia). Foto sul blog di viaggi Nerd in Spalla: viaggiatori poco seri
Il quadrante superiore del famoso orologio astronomico di Praga

Commissioni sulla conversione

Se vi trovate in un paese che non usa l’Euro, per ritirare contanti presso un ATM dovrete accettare di pagare una commissione sul cambio della valuta. Qui nasce un piccolo problema perché ogni sportello vi chiederà se volete prelevare con conversione o senza.

Fate molta attenzione a questo punto perché normalmente, se accettate di convertire il denaro, lo sportello vi addebiterà la commissione prevista da quel circuito (che spesso nelle zone turistiche è davvero altissima!), mentre se rifiutate la conversione questa verrà effettuata dalla vostra banca secondo quando prevede il vostro contratto.

Da diversi anni è obbligatorio in Europa, per legge, che la commissione di prelievo e ogni altro costo siano chiaramente espressa a video, quindi leggete attentamente le scritte in piccolo prima di cliccare grossi pulsanti colorati, lampeggianti e attraenti!

Vi diciamo di leggere perché in alcuni casi anche declinare la conversione può comportare dei costi e, in quel caso, forse vi conviene semplicemente cambiare sportello!

In molti casi questa politica si applica anche ai pagamenti con carta presso i vari esercenti, quindi se il cassiere/commesso/cameriere vi chiede se volete pagare in Euro o in valuta locale, vi conviene scegliere sempre la valuta locale!

Municipio della città vecchia (Staroměstská radnice) a Praga in Repubblica Ceca (o Cechia). Foto sul blog di viaggi Nerd in Spalla: viaggiatori poco seri
Oltre a fermarvi davanti all’orologio astronomico, entrate anche nel municipio della città vecchia per un tour all’insegna della storia e del liberty!
Piazza della città vecchia (Staroměstské náměstí) a Praga in Repubblica Ceca (o Cechia). Foto sul blog di viaggi Nerd in Spalla: viaggiatori poco seri
L’orologio astronomico e la cattedrale di Týn sono le attrazioni più famose sulla piazza della città vecchia

Trucchetti truffaldini

Come già sapete, o forse no, noi siamo dei monomaniaci di Praga.

Essendo così appassioanti di questa città, non possiamo fare a meno di seguire tutti i video del canale YouTube ‘Honest Guide’, dove Honza e Janek raccontano ogni settimana qualche interessante novità su Praga e denunciano anche i trucchi più usati per attirare in fallo i tanti turisti che affollano la capitale Ceca.

Questa settimana vogliamo parlarvi del loro video di un paio di settimane fa che ha suscitato molto clamore sia a livello nazionale che internazionale perché parla di un trucchetto, attuato da alcuni circuiti ATM, che è ancora relativamente sconosciuto e in cui potrebbe facilmente incappare chiunque, sia esso un turista o un local.

Chiesa di San Giorgio al castello di Praga (Prazsky Hrad). Foto sul blog di viaggi Nerd in Spalla: viaggiatori poco seri.
Chiesa di San Giorgio

Nella schermata principale di alcuni sportelli ATM troverete infatti solo due opzioni: Prelievo & Saldo (Cahs&Balance) e Altro (Other).

Voi siete lì per prelevare quindi premete Prelievo & Saldo, giusto? Sbagliato.

Chiedere il saldo a uno sportello che non è della vostra banca può prevedere un costo che, in questo caso, vi sarà addebitato semplicemente premendo il tasto principale ‘Prelievo & Saldo’. La schermata successiva vi permetterà poi di scegliere l’importo da prelevare e, anche se a questo punto annullerete l’operazione, il costo per la richiesta del saldo lo avrete già pagato!

Se invece premete il tasto ‘Altro’ vi comparirà una schermata in cui potrete scegliere se prelevare o se chiedere il saldo. Chiedendo solo di prelevare non pagherete la commissione per la richiesta del saldo.

Siamo molto felici di aver scoperto questo nuovo trucco e se anche voi volete sempre essere aggiornati sulle ultime da Praga o su altri trucchi truffaldini che sono in voga non solo nella capitale Ceca ma anche in molte altre destinazioni turistiche, seguite anche voi Honza & Janek su Honest Guide!

11 commenti

  1. Ma dai, non sapevo di questo trucchetto! Sempre detto che Praga è una città da evitare – scherzo, non prendetevela: so che voi la adorate ma a me non è piaciuta 😉
    A parte tutto, pur con fatica sto cercando di abituarmi quando sono all’estero a pagare con carta o bancomat, ma avere un po’ di contante mi fa sentire più tranquilla. E ammetto di essere caduta nella trappola qualche anno fa in Croazia e di aver accettato la conversione, rendendomi conto dello sbaglio solo una volta tornata a casa.

    1. Lo so che non ti piace Praga ma la piaga di questi bancomat è dappertutto! Subito dopo aver postato l’articolo li abbiamo visti anche a Napoli…😭

  2. Articolo utilissimo, grazie ragazzi! Se le inventano tutte per spillare soldi alla gente. Devo dire che ho avute brutte esperienze anche in Italia dove alcune banche non fanno prelevare, la gente allo sportello non sanno come aiutare o risolvere il problema; gente che ancora non accetta la carta sotto un tot di euro. Insomma, chi più ne ha più ne metta.

    1. In realtà appena dopo aver scritto questo articolo abbiamo visto gli stessi bancomat anche in Italia… non c’è più scampo!

  3. Ma dai non sapevo di questo “trucchetto” dagli ATM per guadagnarci, la prossima volta ci farò caso sicuramente! Io all’estero mi affido sempre alla carta Revolut per diminuire i costi “inutili” dovuti alle banche. Purtroppo in molti paesi si paga ancora tanto solamente in contanti

    1. Noi usiamo quasi solo carta ma ci sono volte (e posti) in cui è proprio necessario avere i contanti e quindi…

  4. Grazie ragazzi per aver condiviso questo trucchetto. Effettivamente i costi dei prelievi all’estero anche se contenuti, sommati tra loro possono raggiungere anche cifre importanti. Meglio tenere gli occhi aperti.

  5. Wow, questa cosa proprio non la sapevo, adesso staremo molto più attenti ai bancomat in giro per il mondo!

  6. Questo post è davvero molto interessante. Mi è capitato di visitare alcune capitali in cui non si usa l’euro e non sapevo come comportarmi… Grazie delle dritte!!

  7. Anvedi che furbata! Ti dico con tutta onestà che anche io sarei caduta nel tranello. Per fortuna a queste cose provvede mio marito, che sicuramente Si informa più di me su queste tematiche. Io mi godo il viaggio invece!

    1. Quando abbiamo visto il video di Honest Guide ci siamo rimasti perchè questa non la conoscevamo proprio e abbiamo pensato fosse il caso di cercare nel nostro piccolo di diffondere la voce…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe anche interessarti...